12/02/12

Per oggi non ci vediamo, maestro.





Vorrei venire a trovarti, ma i tuoi sono divorziati e tua madre pretende che tu arrivi vergine al matrimonio, e probabilmente tu concordi nel tuo futile inconscio.
Vorrei venire a trovarti, ma so che i tuoi sono completamente pazzi e tua madre ti odia, perciò ti picchierebbe appena metto la prima e me ne sto andando via, poi ti deprimeresti per le tre settimane seguenti scrivendo puttanate su tumblr/blogspot/facebook/flickr/netlog.
Vorrei venire a trovarti, ma magari ti potrei ricordare tuo cugino e potresti tentare il suicidio per l'ennesima volta, non che mi freghi, sia chiaro.
Vorrei venire a trovarti, ma c'è sempre quella nostra amica in mezzo che cova il desiderio represso di scoparmi e il nostro incontro sarebbe mandato a puttane in questo modo, come già è accaduto.
Vorrei venire a trovarti, ma troverei tuo padre che suona la chitarra in giardino e tua madre che lo manda a fanculo mentre la casa va a fuoco, non è un bel quadretto, è meglio se ripasso dopo.
Vorrei venire a trovarti, ma vederti scopare sul divano non è uno dei miei hobby preferiti, ripasserò un'altra volta magari.
Vorrei venire a trovarti, ma so che starai sicuramente fumando, e a me dà fastidio, e allora se comunque devo impuzzonirmi di fumo, a questo punto vado in qualche locale malfamato a sfondarmi di cicchetti.
Vorrei venire a trovarti, ma temo che tuo fratello non sia d'accordo, e neanche tu.
Vorrei venire a trovarti, ma sapere che sono il tredicesimo amico intimo che viene nello stesso giorno, mi cagherebbe il cazzo, sopratutto perchè gli altri erano tutti più fighi di me.
Vorrei venire a trovarti, ma il tuo ragazzo poi mi aprirebbe in due, giustamente, e oggettivamente non mi aggrada una situazione del genere.
Vorrei venire a trovarti, ma quella tua amica cozza ti segue sempre e non abbiamo la più pallida idea di come liberarcene, quando litigate fammi un fischio.
Vorrei venire a trovarti, ma si potrebbe creare quella strana situazione in cui l'amicizia è in bilico e poi non ci guardiamo più con gli stessi occhi, etc. etc.





Il tizio sopra ha detto:

Nessun uomo preferisce la virtù ad una bellissima donna.



Decontestualizzata può sembrare una frase ad effetto, come tante ne dicono gli pseudofilosofi, perciò contestualizziamo:

Confucio è appena andato dal re a parlargli e il re gli concede tanta roba e gli dice "ok, costruisci una scuola, etc." e poi gli chiede di incontrare la regina.
Cazzo, te lo chiede il re, mica puoi dire "no, non mi va oggi", perciò lui accetta.
I suoi discepoli in poche parole gli dicono "non andare, quella è una zoccolona, poi se succede qualcosa sono guai" (ergo: il re ti fa aprire come una cozza e ti fa asciugare al sole per mesi), e lui, da saggio, risponde che sono solo dicerie.

Arrivato dalla regina, lui si inginocchia e fa tutte le riverenze dovute e le sue maniche toccano terra e intanto si alliscia la barba per far vedere quanto è saggio; lei gli chiede di essere presa come allieva poichè vuole imparare la poesia, ma lui rifiuta e piuttosto gli consiglia di andare da un suo discepolo che è fottutamente bravo a capire gli intimi significati della poesia.
Ma la donna non demorde e gli butta là una proposta:
"ci vediamo un'altra volta?"
"sarebbe sconveniente."
"perchè?"
"perchè nessun uomo preferisce la virtù ad una bellissima donna."

Detto ciò, il colloquio finisce.

4 commenti:

  1. Insomma, 'nce poi annà a trovalla. Sembrerebbe più un lavoro da artificiere.

    RispondiElimina
  2. La regina della Cina era una porcellina!

    RispondiElimina
  3. che palle, quella vostra amica è proprio una scassacazzo.

    RispondiElimina
  4. @neuro: è un lavoro da iron man!

    @conte: per arrivare tanto in alto qualche qualità dovrai anche averla.

    @sileno: ci puoi giurare.

    RispondiElimina